Alessandria incendio

Incendio doloso aggravato in concorso appiccato in un condominio, ecco dove

3 gli arresti di altrettanti uomini dai 37 ai 45 anni di nazionalità marocchina, i quali avevano appiccato il rogo in una palazzina di 4 piani

Il GP delTribunale di Alessandria ha convalidato il fermo di indiziato di delitto – eseguito di iniziativa dai Carabinieri del Nucleo Investigativo di Alessandria, dell’Aliquota Operativa della Compagnia di Novi Ligure e della Stazione di Serravalle – di tre cittadini marocchini: E.Z.M. di 37 anni, irregolare sul territorio nazionale, T.R. di 41 anni e E.K.R. di 45 anni, clandestino, tutti pregiudicati, disoccupati e senza fissa dimora, tradotti in carcere il 19 agosto per un incendio doloso aggravato in concorso appiccato in un condominio di Serravalle Scrivia. A loro carico, anche alla luce della gravità del reato e dei  gravi indizi di colpevolezza emersi, considerato altresì il pericolo di fuga e di reiterazione del reato, è stata contestualmente emessa ordinanza di custodia cautelare in carcere.   

Nella tarda mattinata del 17 agosto 2022 i Carabinieri della Stazione di Serravalle Scrivia e gli agenti della Polizia Municipale intervenivano in quel vico Torchio poiché nello scantinato condominiale del civico n. 1 si era sviluppato un pericoloso incendio, poi domato dai Vigili del Fuoco di Novi Ligure e Alessandria intervenuti prontamente, che provvedevano altresì a far evacuare la palazzina di quattro piani, adibita ad appartamenti di civile abitazione. Dieci persone, tra cui alcuni minori, rimanevano intossicate, sebbene nessuna in gravi condizioni. L’accesso alla palazzina è al momento interdetto per via dei danni strutturali causati dalle fiamme, tali da richiedere verifiche tecniche per accertare la permanente idoneità strutturale del fabbricato.


L’identikit dei tre malviventi, ritenuti responsabili di aver intenzionalmente cagionato l’incendio veniva realizzato grazie alle immagini estrapolate dai sistemi di videosorveglianza comunali, visionate meticolosamente dagli agenti della Polizia Municipale e dai militari della Stazione di Serravalle Scrivia.
Tali immagini permettevano altresì di evidenziare l’avvicinamento da parte dei predetti al vico Torchio n. 1 ed il loro allontanamento immediatamente dopo il divampare delle fiamme. 

Le ricerche dei tre marocchini erano rese difficoltose dall’assenza di ogni riferimento utile alla localizzazione degli stessi. Tuttavia, grazie alle numerose squadre dei Carabinieri e della Polizia Municipale dispiegate sul territorio ed in coordinamento tra loro, diverse delle quali in abiti civili e a bordo di mezzi con targhe di copertura, i predetti venivano rintracciati nella giornata del 18 agosto ed accompagnati presso il Comando Provinciale dei Carabinieri di Alessandria, ove dichiarati in stato di fermo e, nelle prime ore del mattino del 19 agosto, tradotti presso la Casa Circondariale di Alessandria. 

Il pericoloso gesto era certamente rivolto ad altri due connazionali di 37 e 34 anni – entrambi pregiudicati e di cui uno clandestino – abitanti in quel condominio e presenti in casa al momento dell’incendio. Il movente è da ricondurre a pregressi contrasti per futili motivi tra questi ultimi, da una parte, e E.Z.M.  dall’altra. In effetti, nel pomeriggio del 14 agosto nei pressi della Stazione ferroviaria di Serravalle Scrivia si era verificata una violenta aggressione che aveva coinvolto una decina di marocchini, alcuni di essi armati di coltello, i quali, incuranti della presenza dei Carabinieri, poco prima intervenuti sul posto, avevano proseguito nella contesa, dileguandosi immediatamente dopo per evitare di essere generalizzati.

Tuttavia, grazie alle telecamere di videosorveglianza, i Carabinieri avevano  comunque identificato tutti i partecipanti alla lite, tra cui figurava anche E.Z.M. che, in quelle concitate fasi, era stato notato impugnare un machete  ed aveva aggredito proprio i due connazionali residenti in vico Torchio.
Questi ultimi, necessitando di cure mediche, erano rimasti sul posto. Il 34enne, in particolare, ferito a un braccio con un’arma da taglio, veniva trasportato in ospedale dai soccorritori del “118” per le cure mediche del caso. Successivamente, durante la notte del 17 agosto, i due marocchini abitanti in vico Torchio si recavano presso una tenda sita a Serravalle Scrivia sulle rive del fiume Scrivia, ove dimoravano E.Z.M. e T.R.. Fortunatamente durante tale incontro le parti si sarebbero limitate a proferire minacce verbali. Più tardi, nella stessa giornata, circa mezzora prima dell’incendio, E.Z.M. contattava telefonicamente i Carabinieri di Serravalle Scrivia lamentando che i due connazionali abitanti in vico Torchio giravano per la città armati di coltelli e riferendo di temere di  essere aggredito. I Carabinieri lo invitavano a sporgere denuncia-querela ed a contattarli qualora li avesse notati circolare armati. A quel punto l’interlocutore esclamava “Allora se non fate niente me la vedo io”, frase, con il senno del poi, preannunciante l’incendio.