Covid, dal primo settembre docenti “No-vax” di nuovo a scuola

Tutto il personale scolastico verrà reintegrato nonostante le linee guida da seguire saranno stringenti

 Dal primo settembre prossimo i docenti “No-vax”, così come i bidelli e gli amministrativi, che hanno scelto di non ricevere il siero, ritornano in classe. Decadono gli obblighi di vaccinazione per l’intero personale scolastico con l’assenza del periodo di emergenza.

E’ quanto emerge da una nota per le misure standard di prevenzione anti-Covid, inviata ieri dal ministero dell’Istruzione a tutte le scuole, dalle materne agli istituti superiori.

Nella stessa nota si evince:

Attività educative da svolgersi – compatibilmente con gli spazi disponibili e le potenzialità organizzative – prevedendo gruppi stabili di bambini;
• Divieto di portare negli spazi delle attività oggetti o giochi da casa, evitando l’uso promiscuo di
giocattoli tra bambini appartenenti a gruppi diversi;
• Accoglienza e ricongiungimento, ove possibile, organizzati all’esterno e, qualora si svolgano in
ambiente chiuso, provvedendo alla pulizia approfondita e all’aerazione frequente e adeguata dello spazio. Accesso alla struttura con accompagnamento da parte di un solo adulto;
• Somministrazione dei pasti nei locali delle mense scolastiche, limitando il più possibile la promiscuità tra bambini di gruppi diversi.
• Consumo delle merende nello stesso spazio di esperienza dedicato al gruppo dei bambini

Alla fine se un cambiamento esiste all’interno del mondo scolastico verrà effettuato gradatamente, sperando in una recrudescenza del contagio.