Avvenimenti, il 15 agosto del 2021 i talebani riconquistano per la terza volta Kabul

La forze Nato si ritirarono dall’Afghanistan in seguito agli accordi di Doha nel 2020 ed il presidente Ghani lasciò repentinamente il paese

La caduta di Kabul è stata la terza presa di Kabul, capitale dell’Afghanistan, da parte dei Talebani il 15 agosto 2021. Ha rappresentato il culmine di un’offensiva militare iniziata nel maggio 2021. Nelle settimane precedenti, gran parte delle capitali provinciali del Paese erano cadute in una rapida successione durante il ritiro delle forze NATO dall’Afghanistan in seguito all’Accordo di Doha del 2020. Mentre gli scontri nella capitale erano ancora in corso, il Presidente dell’Afghanistan Ashraf Ghani ha lasciato il Paese alla volta degli Emirati Arabi Uniti; la sua fuga ha provocato il definitivo collasso delle Forze armate dell’Afghanistan e la capitolazione di Kabul.

La caduta di Kabul ha provocato la fine della Repubblica Islamica dell’Afghanistan, che governava il Paese dal 2004, e la restaurazione dell’Emirato Islamico dell’Afghanistan da parte dei Talebani.

Dopo la partenza del governo degli Stati Uniti ad agosto, centinaia di cittadini statunitensi e, separatamente, centinaia di residenti negli Stati Uniti (titolari di “carta verde”) sono stati lasciati indietro.

Oggi le donne afgane rivivono la stessa oppressione di quando i Talebani governavano, prima della loro cacciata, tutte le promesse fatte alla comunità internazionale sono risultate vane, pian piano il genere femminile sta scomparendo negli ambienti scolastici e tutti i diritti conquistati negli ultimi tempi stanno scomparendo.