Ischia, blitz dei Nas in 7 strutture termali

I controlli hanno riguardato l’igiene degli alimenti, la sicurezza dei luoghi di lavoro, nonché il possesso dei necessari titoli autorizzativi ed il rispetto dell’attuale normativa correlata all’emergenza epidemiologica da Sars-cov-2

I carabinieri del Nas di Napoli hanno effettuato sull’isola d’Ischia una serie di ispezioni igienico sanitarie presso stabilimenti termali, alcuni dei quali ubicati presso strutture turistico ricettive, finalizzate alla tutela della salute pubblica nei settori riguardanti la sanità pubblica, la salubrità delle acque termali utilizzate, la presenza di personale qualificato, l’igiene degli alimenti, la sicurezza dei luoghi di lavoro, nonché il possesso dei necessari titoli autorizzativi ed il rispetto dell’attuale normativa correlata all’emergenza epidemiologica da Sars-cov-2. I controlli hanno interessato sette strutture, sei delle quali sono risultate non conformi. I carabinieri del Nas hanno interdetto la balneazione all’interno di una vasca annessa ad uno stabilimento termale interno ad un hotel poiché, a seguito di campionamento delle acque, le stesse sono risultate positive per contaminazione chimica. Sequestrati amministrativamente alimenti e bevande per mancata rintracciabilità alimentare. Elevate sanzioni amministrative per complessivi 6 mila euro.