Boccia: “nessun passaporto sanitario secondo la nostra Costituzione

56

Il ministro degli affari regionali è sicuro: “Nei prossimi giorni con l’ultimo click che riporterà il Paese a muoversi ci dovrà essere anche quello del buonsenso”

Il ministro degli Affari regionali Francesco Boccia non ha dubbi: “Passaporto sanitario? Rileggete l’articolo 120 della Costituzione: una Regione non può adottare provvedimenti che ostacolino la libera circolazione delle persone. E poi se gli scienziati dicono che non ci sono passaporti sanitari, non ci sono”. Questo ha sostenuto Boccia in audizione alla Commissione Federalismo fiscale della Camera.

“Nei prossimi giorni con l’ultimo click che riporterà il Paese a muoversi ci dovrà essere anche quello del buonsenso. Se tutte le regioni ripartono senza distinzioni sul profilo dei cittadini di ogni regione, la distinzione tra cittadini di una città rispetto all’altra non è prevista, se siamo sani ci muoviamo. Diverso è prevedere una fase di quarantena, ma non siamo in quella condizione. E anche in quel caso ci vuole un accordo tra le parti”, aggiunge Boccia.

Le province lombarde di Bergamo, Brescia, Cremona, Lodi e quella di Piacenza in Emilia Romagna “hanno vissuto un’ecatombe, il resto del Paese un dramma. Non paragonerei quelle province al resto d’Italia”. Così il ministro degli Affari regionali Francesco Boccia in audizione alla Commissione Federalismo fiscale, parlando di possibili provvedimenti finanziari per sostenere l’economia di quelle zone.