mercoledì, Dicembre 8, 2021
HomeCronacaArrestata per resistenza dorme davanti al portone del carcere

Arrestata per resistenza dorme davanti al portone del carcere

Respinta dalla Francia non sa dove andare

Storia di ordinaria solitudine, quando la via della libertà non coincide con l’assoluta felicità. Era stata arrestata per resistenza e liberata dopo solo due notti in cella, non vorrebbe lasciare il carcere perché non sa dove andare. Una ventenne nigeriana, Ose Mwegie Joy, da venerdì scorso dorme sulla panchina davanti all’androne dell’ingresso dell’ufficio colloqui familiari del carcere ‘Lorusso e Cutugno’ di Torino.
    Respinta dalla Francia, è stata arrestata il 19 giugno alla stazione ferroviaria di Porta Susa, a Torino. Dopo la scarcerazione, ha fatto pochi passi e si è sdraiata fuori dalla casa di reclusione. “Abbiamo provato in tutti i modi a darle assistenza – spiega il direttore del carcere, Domenico Minervini – Ci siamo attivati con chi è abituato a trattare in queste situazioni. Hanno provato a parlarle i cappellani, il dirigente sanitario, il garante dei detenuti, gli psicologi e i rappresentanti delle associazioni che si occupano di persone in difficoltà. E’ una situazione molto triste”.

RELATED ARTICLES

Most Popular

Recent Comments