sabato, Novembre 27, 2021
HomeCronacaIndagati due magistrati per la morte del giudice Borsellino

Indagati due magistrati per la morte del giudice Borsellino

Per la prima volta dopo decenni iscritti nel registro degli indagati persone fisiche e non contro ignoti

La morte del magistrato Paolo Borsellino è stata sempre fitta di misteri, molte sono le incognite e le domande alle quali dare una risposta. Non è più a carico di ignoti l’indagine della Procura di Messina sul depistaggio dell’inchiesta sulla Strage di via d’Amelio costata la vita al giudice Paolo Borsellino e degli agenti della scorta. I pm della città dello Stretto hanno iscritto nel registro degli indagati alcuni magistrati – non è ancora noto quali – del pool che indagò sull’attentato. Agli indagati e alle persone offese oggi la Procura ha notificato l’esecuzione di accertamenti tecnici irripetibili.

Il 19 luglio 1992, dopo aver pranzato a Villagrazia con la moglie Agnese e i figli Manfredi e Lucia, Paolo Borsellino si reca insieme alla sua scorta in via D’Amelio, dove vive sua madre.

Una Fiat 126 parcheggiata nei pressi dell’abitazione della madre con circa 100 kg di tritolo a bordo esplode, uccidendo oltre a Paolo Borsellino anche Emanuela Loi, Agostino Catalano, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traia. L’unico sopravvissuto è Antonino Vullo.

RELATED ARTICLES

Most Popular

Recent Comments